lunedì 9 giugno 2014

Cena da palo a palo: impresa riuscita!





Cosa ci fanno settecento sedie allineate in due file parallele, più due “ali” in alto e in basso, ad unire i pali di un campo da rugby?

Sono lì per dimostrare che, quando c'è l'amore, la passione, il sacrificio e l'impegno personale le cose sono possibili, gli eventi accadono, le imprese riescono.

Cercare di replicare il successo della prima cena “da palo a palo” fatta a settembre 2013 sembrava un'impresa utopica; tentate di racchiudere in un campo da rugby più di 600 persone (i partecipanti di settembre) in nome dello sport, della solidarietà e della gioia appariva persino ai più coraggiosi un qualcosa di azzardato.

E vedere le 700 sedie allineate, doverne aggiungere altre perché non bastavano, e sapere che altri (più di cento!) avrebbero voluto unirsi (ma posto non ce n'era più!), beh, non può che racchiudersi in una sola frase: impresa riuscita!

La seconda cena “Da Palo a Palo, organizzata sabato 7 Giugno 2014, dagli Old Rugby Viterbo presso il campo Sandro Quatrini è stata un successo maggiore del primo, con oltre 710 persone presenti, gruppi sportivi quali il Judo Faul, il Fitness Club Via Oslavia, il Centro Sportivo Via Mazzetta... e ci perdoneranno gli altri di cui ci dimentichiamo (perdonateci, siamo OLD!).

Hanno voluto partecipare all'evento anche le autorità cittadine  rappresentate da alcuni componenti la Giunta e il Consiglio, così come pure la Federazione Italiana Rugby tramite il Consigliere Regionale  Alessandro Telli e il Vice Presidente FIR Antonio Luisi (che, comunque,  sono patrimonio  e parte integrante del rugby viterbese).

Oltre ad aver generosamente offerto gran parte delle loro attrezzature, erano presenti molti dei Facchini di Santa Rosa e dei componenti del Comitato Festeggiamenti La Quercia.

A tutti indistintamente va il nostro sentito ringraziamento, per aver partecipato ad un evento i cui fondi, come in ogni attività degli Old, andranno in buona parte sia a finanziare i doni verso associazioni viterbesi impegnate nel sociale sia a contribuire alla crescita del movimento rugbystico.

Ma l'impresa, sia ben chiaro, non è patrimonio esclusivo degli Old Rugby Viterbo, ma di tutto il  rugby viterbese nelle sue diverse anime: dalle giovanili, alla prima squadra, agli Old.

L'obiettivo del presidente,  Ugo Natalini, è stato difatti  quello di  far divenire un gruppo di “arzilli anzianotti” una parte integrante, un tutt'uno con la  Union Rugby Viterbo, parte integrante e non satellite all'interno della società.

Settecento sedie, settecentodieci ospiti: impresa riuscita. Ora si punta verso il migliaio... verso la prossima impresa!



(Foto di Stefano Cecchetto)